Questo sito e' stato archiviato il 08/05/2012 / This site has been archived on 08/05/2012
24/05/2012

Navigation path

Page navigation

Voice project

Giving a VOICE to the deaf by developing awareness of VOICE to text recognition capabilities

The VOICE Project has investigated the use of voice recognition systems in conversations, conferences, television broadcasts and telephone calls. It started in 1996 in the EC Joint Research Centre (JRC) at Ispra and was then sponsored and funded by the EC Directorate General Information Society in 1998-2000. The Project has developed prototypes of user-friendly interfaces allowing for an easier use of commercial products translating voice into screen messages and subtitles for conferences, classes, lectures, TV and theatre shows, and so on. This is a significant help for people with hearing impairments, because it reduces the gap between them and the hearing population. The first applications in Research in Assistive Technologies and their further developments at JRC have achieved excellent results and demonstrated the feasibility of applications of low-cost and high-performance new technologies for all citizens, in a design for all approach.

More than one hundred workshops have been organised, where the VOICE Project was presented to more than 6000 users. Its prototype demonstrator has been used for subtitling part of the workshops, as a demonstration of its feasibility and as a validation in the field. The subtitling system has been used in several schools in order to deliver to all the students of a class the same information, by means of the same words, at the same time. In particular some activities for the MOISE, Netdays and NEMO projects have been organised in collaboration with the EC Directorate General XXII (Education).

The VOICE Project has proposed the development of new technologies and new behaviors in the field of speech-to-text recognition and has stimulated and increased the use of new, widely diffused technologies, namely the Internet, in order to tackle the problems that may be encountered by the deaf and the hard-of-hearing. More precisely, the Project was also aimed at uniting, by means of an Internet VOICE Forum, associations, companies, universities, schools, public administrations and anyone else interested in speech recognition. This Forum has contributed to defining technicalities related to the needs of the deaf and the hard-of-hearing in the fields of speech recognition and of TV subtitling. All the phases of the Project saw the active participation of the Associations of people with hearing impairments. They have been encouraged to comment and suggest at any time. The feedback collected during such discussions has been disseminated through the Internet, along with the results and the examples of good practices in the field, thus anticipating the trend of Social Networks.

In 2001 and 2002 the activities of the Project actively worked on the harmonisation of television subtitling, in collaboration with the European Broadcasting Union and the CENELEC Normalisation Committee, with the support of the EC Directorate General Enterprise. JRC contributed to create the CENELEC TV Broadcasting for All Group and to prepare the Conference TV Broadcasting for All in Seville on June 2003. In the European Year of People with Disabilities 2003, several activities aimed at further spreading the achieved results, informing both end users and services providers, thus increasing their awareness. The European Year’s closing event was the Conference eAccessibility by Voice, held at Ispra (Varese, Italy) in November 2003.

In the following years, the acquired experience helped in broadening the field of application to other technical means and considering also other difficulties in communication, security and safety, encountered by the elderly, the disabled or the disadvantaged. The SESAMONET (SEcure and SAfe MObility NET) Project's objective was the development of an integrated electronic system to increase the mobility of people with visual disabilities and their personal safety and security. Usability and accessibility aspects have also been considered in the PRIMA (Passport, Identity Management and Access Control) Action, carrying out application-oriented research in the area of identity controls and of e-gate automatic systems in airports. The VOICE Project has been a reference within JRC and its coordinator participates in the activities of the InterService Group on Disability, dealing with the EU’s wider effort to promote the mainstreaming of disability issues in line with the EU Disability Strategy 2010-2020 and the United Nations Convention on the Rights of Persons with Disabilities.

Different activities have been undertaken in order to spread the use of such applications in different fields of the daily life, like cinema, theatre, leisure time, sports. This one has been particularly considered in view of Turin 2006 Paralympics and 2007 Universiade. In the field of research, the VOICE Project has collaborated with the International Symposiums on Live Subtitling and the on line Master on AudioVisual Translation (METAV). Drawing on the results of the VOICE Project, some activities are still on going in collaboration with a few University teachers aimed at the development of the professional figure of the respeaker, who uses speech-to-text technology to produce live subtitles. In this framework, particularly significant is the creation of the International Association on Respeaking (onAIR) aimed at diffusing the use of speech-to-text applications in every aspect of the community daily life, including Web radio subtitling promoted by the OltreSuoni project.

More information available at the new VOICE Web Site

http://www.voiceproject.eu

Il Progetto VOICE per sostenere la VOCE dei sordi con un'azione di sensibilizzazione

Il Progetto VOICE ha promosso lo studio e lo sviluppo di applicazioni dei sistemi di riconoscimento vocale alle conversazioni, conferenze, trasmissioni televisive e comunicazioni telefoniche. Nato nel 1996 all'interno del Centro Comune di Ricerca (CCR) di Ispra della CE, ha successivamente ricevuto il patrocinio ed il finanziamento della Direzione Generale Società dell'Informazione della CE negli anni 1998-2000. Il Progetto ha sviluppato dei prototipi di interfacce che consentono un uso più facile di prodotti commerciali, per generare, sullo schermo di un personal computer, sottotitoli in tempo reale di conferenze, lezioni scolastiche e universitarie, conversazioni telefoniche, trasmissioni TV e spettacoli dal vivo. Questo è di notevole aiuto per gli audiolesi, poiché riduce la distanza che li separa dal mondo degli udenti. Le prime applicazioni nella ricerca sulle tecnologie assistive e loro sviluppi al CCR hanno ottenuto risultati eccellenti e dimostrato la fattibilità di applicazioni di tecnologie a basso costo e alte prestazioni, accessibili a tutti i cittadini.

Sono stati organizzati oltre cento seminari per presentare a più di 6000 utenti il Progetto ed il suo prototipo dimostrativo, che è stato usato per sottotitolare parte dei seminari stessi, come dimostrazione di fattibilità e prova di validazione sul campo. Il sistema di sottotitolazione è stato utilizzato in diverse scuole con l'obiettivo di trasmettere a tutti gli alunni di una classe le stesse informazioni, con le stesse parole, nello stesso momento. In particolare, alcune attività sono state svolte in collaborazione con la Direzione Generale XXII (Educazione) della CE per i Progetti MOISE, Netdays e NEMO.

Il Progetto VOICE ha promosso lo sviluppo di nuove tecnologie nel campo del riconoscimento del parlato, ed al tempo stesso ha stimolato ed incentivato l’uso delle nuove tecnologie, in particolare Internet, da parte dei non udenti. Più precisamente, un altro obiettivo del Progetto è stato quello di unire, attraverso un Forum VOICE su Internet, associazioni, ditte, università, scuole, amministrazioni pubbliche e chiunque altro (a livello nazionale ed internazionale) fosse interessato al riconoscimento vocale. Il Forum ha contribuito alla definizione di specifiche tecniche relative ai bisogni degli utenti audiolesi nel campo del riconoscimento vocale e dei sottotitoli televisivi. Tutte le fasi del progetto hanno visto la partecipazione attiva delle Associazioni di audiolesi, alle quali è stato chiesto contribuire con commenti e suggerimenti. Le informazioni raccolte sono state diffuse su Internet insieme ai risultati e agli esempi di buone prassi, anticipando, in qualche modo il trend dei social network.

Nel periodo 2001-2002 le attività si sono indirizzate verso l'armonizzazione dei sottotitoli televisivi, in collaborazione con l'Unione Europea delle Televisioni e l'organismo di standardizzazione CENELEC, con il supporto della Direzione Generale Imprese della CE. IPSC ha contribuito alla creazione del CENELEC TV Broadcasting for All Group, che ha lavorato alla standardizzazione dei criteri di produzione dei sottotitoli televisivi, al potenziamento del servizio di sottotitolazione di varie emittenti europee e all’organizzazione della conferenza TV Broadcasting for All a Siviglia nel giugno 2003. Nell'Anno Europeo delle Persone con Disabità 2003, diverse attività hanno mirato a diffondere ulteriormente i risultati raggiunti, aumentando l'informazione degli utenti e la sensibilizzazione dei fornitori di servizi. L'evento conclusivo dell'Anno Europeo è stata la Conferenza Voce e Accessibilità, a Ispra (Varese) nel novembre 2003.

Negli anni successivi è stata continuata la diffusione dei risultati del Progetto, incoraggiando la sperimentazione del sistema da parte delle associazioni di audiolesi, le scuole, gli atenei e il potenziamento del servizio di sottotitolazione da parte delle emittenti televisive. Sono state inoltre stimolate altre attività nel campo della comunicazione e della sicurezza, cui sono confrontate le persone anziane, svantaggiate o con disabilità. L’obiettivo del Progetto SESAMONET (SEcure and SAfe MObility NET) era lo sviluppo di un sistema elettronico integrato che incrementasse la mobilità e la sicurezza di persone con disabilità visive. Sono stati inoltre considerati gli aspetti della fruibilità e della accessibilità nell’Azione PRIMA (Passport, Identity Management and Access Control), in cui è stata sviluppata la ricerca di applicazioni nel campo dei controlli d’identità, in particolare negli aeroporti. Il progetto VOICE è stato un punto di riferimento al CCR e il suo coordinatore continua a partecipare alle attività del Gruppo Interservizi sulla Disabilità, che cerca di tradurre in realtà gli sforzi della UE nella diffusione delle questioni legate alle disabilità in linea con la Strategia Europea sulla Disabilità 2010-2020 e la Convenzione delle Nazioni Unite sui Diritti delle persone con Disabilità.

Sono state intraprese numerose attività per diffondere l’uso di tali applicazioni in vari settori della vita di tutti I giorni come, cinema, teatro, tempo libero e sport. Quest’ultimo aspetto è stato coinsiderato in vista delle Paralimpiadi di Torino del 2006 e delle Universiadi del 2007. Nel campo della ricerca il progetto VOICE ha collaborato con gli International Symposiums on Live Subtitling e il Master on line di Traduzione Audiovisiva (METAV). Dai risultati del progetto VOICE, si sono sviluppate numerose iniziative in collaborazione con diversi docenti universitari con l’obiettivo di sviluppare la figura professionale del respeaker, che usa i software di riconoscimento del parlato per produrre sottotitoli in tempo reale. In questo contesto, è particolarmente significativa la creazione dell’Associazione Internazionale di Respeaking (onAIR) che ha l’obiettivo di diffondere le applicazioni della tecnologia di riconoscimento del parlato in tutti gli ambiti della vita della società, compresa la sottotitolazione di Web radio promossa all’interno del progetto OltreSuoni.

Ulteriori informazioni sono disponibili sul nuovo sito del progetto VOICE:

http://www.voiceproject.eu